venerdì 7 marzo 2008

L'angolo del cinematografò

Dopo aver visto stamane io sono leggenda, sono giunto alla seguente conclusione: e' una merda!
Leggere il libro prima non e' stata una grande idea, si sa che i libri son sempre meglio dei film.. sapevo inoltre che gia' di suo il finale del film faceva cagare e per questo grazie a pakko m'ero attrezzato anche del finale "alternativo" censurato dalla warner.
Bene, ora dopo aver visto anche il finale alternativo sono giunto alla seguente conclusione: e' una merda!
Col primo finale almeno si capisce il senso del titolo del film... lui si sacrifica e diventa leggenda per i superstiti donando loro un vaccino, ma nel finale tagliato? che leggenda e'? son piu' leggendarie le mie fetide scorreggie delle lan.. bha
Ma lasciate che invece vi racconti le differenze col libro (e vai di spoiler).
Puntro primo: quelle creature tutte urlanti che sembrano i vermoni di gears of war sono vampiri, VAMPIRI CAZZO! non umani pelati e scemi...
Punto secondo:Il protagonista Robert Neville non e' ne' un marines ultra fico ne un biologo... nel libro risulta essere l'unico immune a quella che lui stesso scopre per tentativi essere una malattia provocata da un germe che isola e osserva al microscopio, ma tutta la sua conoscenza deriva dalle sue letture, dagli studi e dalla costanza giorno dopo giorno di "tirare a campare" da solo e senza cane. Questo lo porta ad una specie di pazzia da solitudine, perde spesso la calma e affoga le sue paranoie nell'alcool ma quando e' sobrio spacca il culo ai passeri.
QUINDI arriva a dedurre che i vampiri sono sempre esistiti come razza e comincia tutti i suoi test sul caso, del tipo "perche' odiano le croci?" o "perche' l'odore dell'aglio li fa scappare?" e trova risposte alle sue domande nel corso di cinque lunghi anni, in parte con la biologia e in parte con la psicanalisi (le croci sugli ebrei e sui musulmani non funzionano asdasd).
BTW la vera ficheria sta nel finale del libro. Il gene mutando crea una nuova razza di "vampiri" in grado di sopravvivere alla luce del sole previa assunzione di farmaco, una nuova "societa'" pronta a sostituire quella precedentemente scomparsa dalla terra.
Questa nuova razza teme Neville cosi' come precedentemente la sua temeva i vampiri come qualcosa di fuori dalle regole.
E il libro si conclude proprio cosi', con la cattura da parte di questa nuova societa' di Neville e con la sua pubblica esecuzione davanti ad una piazza di milioni di "persone" terrorizzate. Nelle loro menti lui e' diventato l'eccezione, il diverso, la "leggenda".. cosi' come presumibilmente lo e' stato il primo vampiro per la razza umana.
Augh

6 commenti:

MiuTi ha detto...

Il film è un'occasione mancata. Ci sta pure che sia molto diverso dal libro in tanti elementi (magari cambiando il titolo al film '-.-), e nonostante tutto la prima metà promette bene e ha atmosfera.
Poi, vabbè, si decide di far arrivare Dio a risolvere la situazione.
Non c'è un cazzo d'altro da aggiungere, ogni commento è superfluo.

c4os ha detto...

ahah fossi stato in Neville, quando quella puttana s'e' messa a tirare in mezzo dio, l'avrei legata ad un tavolo e sodomizzata con l'enorme penone nero della ragione per poi gettarla in pasto ai mostri urlando "chiedi a dio di venirti a salvare"

pakko ha detto...

il primo tempo è davvero spettacolare... il secondo è frettoloso ed inconcludente per come prometteva il primo.

Firestorm ha detto...

era tutto piu' bello se lui era un figo che entrava ad uccidere tutti i vampiri alla rambo e alla fine si scopava lei su un tavolo in mezzo ai vampiri spappolati per terra.

c4os ha detto...

be' ma per quello c'e' gia' dal tramonto all'alba

MiuTi ha detto...

from duck till down